Home Bio Video Events Shop Contact























YouTube












LA DANZA DEI VORREI
by Pino Cariati
 
A volte il suono un rumore confuso
Non sai se vicino, o un’eco lontana
A volte un canto, a volte un invito
A volte un sussurro e a tratti un richiamo
Vorrei ritrovarti, restarti vicino
Vorrei coccolarti, tenerti la mano
Prima che il vento diventi tempesta
E prima che l’oggi si fonda al domani

Volissa addiventare griddru
Ppe ti cantari ‘na nova canzone
Volissa addiventare cardiddru
Ppe ti volari supra lu balcone

La senti potente la voce del cuore
Che urla, si impunta, si erge, scompare
Si muove sulle onde di un fiume nascosto
E a volte ti aspetta al largo nel mare
Vorrei che quest’oggi fosse acqua impetuosa
E dentro al tuo sonno vorrei sconfinare
Prima che polvere arrossi i tuoi occhi
O che la fatica ci possa sfiancare

Volissa addiventare sovrano
Ppe ti portari comu ‘na regina
Volissa addiventare linzola
Ppe mi curcari ‘na notte ccu tia

Vorrei navigare sul bordo del tempo
Un remo al passato e una mano al tuo cuore
Vorrei camminare sul ciglio dei sogni
Capire da dove si inizia a sognare
Vorrei che una vela sfidasse l’azzurro
E sopra quell’ala poterti incontrare
Prima che il fiume si offra alla foce
E prima che ogni acqua si perda nel mare

Volissa addiventare liandro
Ppe ti jurire comu ‘na jumara
Volissa addiventare jinosta
Ppe mi potiri ccu tia ‘ncatturare

Volissa essere cera de sule
Cera de sule ppe ti risvigliare
Volissa essere acqua de fonte
Acqua de fonte ppe ti rinfriscare.























La parte in corsivo di origine popolare e di autore anonimo.